Ah, che bell’ ‘o cafè!
08/02/2017
La Farmacia dell’Aglio.
27/02/2017

Lumie di Sicilia

Gli agrumi sono considerati in tutto il mondo uno fra i più bei simboli della nostra terra, da sempre associati alla nostra cultura e alla nostra tavola. La ricchezza inestimabile di questi frutti è contenuta nei fragranti succhi e non solo. Arricchire le pietanze con scorza di agrumi non serve solamente ad esaltare i sapori, ma soprattutto a riparare il DNA. Ogni giorno il nostro DNA subisce tantissimi tentativi i modifiche che se non vengono subito riparate possono causare mutazioni che portano al cancro. E’ stato dimostrato che due ore dopo aver mangiato la buccia degli agrumi il nostro DNA è più resistente a questo tipo di danni.
Vediamo gli aspetti nutrizionali di alcuni agrumi:

LE ARANCE.
I principali nutrienti contenuti nelle arance sono: zuccheri semplici, vitamine C, B1 B2 e B6, acido folico e acido pantotenico, carotene, fibre e Sali minerali, come calcio, fosforo, potassio, ferro e selenio.
Le proprietà salutistiche sono svariate e molto efficaci:

  • hanno azione antiossidante;
  • sono antinfiammatorie;
  • prevengono lo scorbuto, una malattia causata da una grave carenza di vitamina C che provoca anemie ed emorragie;
  • stimolano le difese immunitarie;
  • proteggono i capillari.

Sarebbe bene precisare che preferire il consumo di una spremuta di arancia piuttosto che il frutto per intero non è molto vantaggioso perché l’arancia spremuta, anche se bevuta entro pochi minuti per evitare l’ossidazione della componente antiossidante, durante la spremitura viene privata della fibra, importante per limitare l’assorbimento degli zuccheri contenuti nel frutto.

IL LIMONE.
I limoni contengono: vitamina C, acido folico e vitamina B6, flavonoidi, limonene e potassio. Il limonene è un metabolita secondario la cui importanza è dovuta alla sua correlazione con la prevenzione nell’insorgenza di tumori alla mammella, alla prostata, al fegato e allo stomaco nonché possiede spiccate proprietà antiossidanti.
Gli effetti positivi sulla salute sono diversi:

  • è antiossidante;
  • è antinfiammatorio;
  • riduce i Sali biliari;
  • ha potere disintossicante e depurativo;
  • ha un effetto positivo sulla rigenerazione cellulare della pelle e del cuoio capelluto;
  • è indicato per la prevenzione di iperuricemie, cioè eccessi di acido urico nel sangue;
  • è antitumorale.

Il consumo di limone è consigliato in caso di anemia non grave perché la vitamina C contenuta in esso favorisce l’assorbimento del ferro presente in cibi come la carne o le verdure.

IL POMPELMO.
Il pompelmo è ricco di vitamina C, acido folico, fibre, flavonoidi e potassio.
Le proprietà salutistiche si articolano in:

  • azione ipocolesterolomizzante;
  • prevenzione delle malattie cardiovascolari;
  • azione diuretica;
  • azione antibatterica e antivirale;
  • riequilibra i globuli rossi, favorendo l’eliminazione di quelli invecchiati;
  • prevenzione della maculopatia, ovvero la perdita della funzione visiva;
  • azione antitumorale.

Il consumo di pompelmo deve essere tenuto sotto controllo perché alcune sostanze contenute in esso interagiscono con numerosi farmaci, tra cui: statine, anti-ritmici, agenti immunosoppressori, bloccanti del canale del calcio e inibitori delle proteasi causando più o meno gravi danni collaterali come tossicità, infiammazioni, aritmie e ansia.

Dott.ssa Alessia Calà

VISITA LA NOSTRA FANPAGE